Razza e spazio transnazionali. La cooperazione tra il nazionalsocialismo e il fascismo italiano tra il 1933 e il 1943 sul piano della politica demografica

Dr. Patrick Bernhard

Molto poco sappiamo finora sulla cooperazione tra il Terzo Reich e l'Italia di Mussolini nel campo della politica demografica. Ciò sorprende tanto più quanto "razza" e "spazio" erano le due determinanti principali della politica nazionalsocialista e fascista. Pertanto il progetto mira a individuare gli obiettivi, l'ampiezza e i risultati di tale cooperazione, considerando in questo contesto sia la promozione delle componenti della popolazione ritenute biologicamente superiori che la soppressione di quelle giudicate inferiori. Studiando la politica della famiglia e di insediamento, si cercherà inoltre di determinare se e in quale misura siano stati avviati dei processi di apprendimento tra i due regimi. Dove si ebbero appropriazioni nel senso di un transfer culturale, dove si tracciarono invece dei confini? Fino ad oggi si vede nell'"asse Berlino-Roma" una pura coalizione di interessi a termine caratterizzato, secondo l'opinione preponderante nella ricerca, dal fatto di avere solo poche affinità sul piano ideologico. I risultati finora raggiunti nel contesto del presente progetto vanno invece nella direzione opposta: è emerso che la cooperazione era strettissima, interessando settori centrali e di forte carica ideologica dei due sistemi dittatoriali. Il regime fascista ad esempio adottò una legge nazionalsocialista, secondo cui l'eredità della proprietà fondiaria sarebbe andata a un unico figlio maschio, accogliendo in questo modo il nucleo giuridico dell'ideologia del sangue e della terra. Dall'altra parte il fascismo coloniale italiano influenzò evidentemente lo stesso famigerato Generalplan Ost. Che il colonialismo e la politica dello spazio vitale nazionalsocialista nell'Europa orientale fossero connessi, si presumeva da anni senza però poterlo dimostrare. La constatazione di tali convergenze solleva il quesito fondamentale quali fossero le differenze sostanziali tra i due regimi, e se non sia giusto di considerare il fascismo un concetto sistematico-categoriale.

Pubblicazioni relative al tema del progetto

Hitler’s Africa in the East. Italian Colonialism as a Model for German Planning in Eastern Europe, in: Journal of Contemporary History, first published on March 31, 2015 as doi: 10.1177/0022009414561825.

Renarrating Italian Fascism. New Directions in the Historiography of a European Dictatorship, in: Contemporary European History 23,1 (2014), pp. 151163.

Borrowing From Mussolini. Nazi Germany’s Colonial Aspirations in the Shadow of Italian Expansionism, in: Journal of Imperial and Commonwealth History 41 (2013), pp. 617643.

Behind the Battle Lines. Italian Atrocities and the Persecution of Arabs, Berbers, and Jews in North Africa during World War II, in: Holocaust and Genocide Studies 26,3 (2012), pp. 425446.

Konzertierte Gegnerbekämpfung im Achsenbündnis. Die Polizei im Dritten Reich und im faschistischen Italien 1933 bis 1943, in: Vierteljahrshefte für Zeitgeschichte 59 (2011), pp. 229262.

Metropolen auf Achse. Städtebau und Großstadtgesellschaften Roms und Berlins im faschistischen Bündnis 19361943, in: R. Hachtmann/Th. Schaarschmidt/W. Süß (a cura di), Berlin im Nationalsozialismus. Politik und Gesellschaft 19331945, Göttingen 2011, pp. 132157.

Lebensraumwissenschaft. Die Kieler Geographen, die NS-Volkstumsforschung und der Traum von einem deutschen Kolonialreich, in: Ch. Cornelißen/C. Mish (a cura di), Wissenschaft an der Grenze. Die Universität Kiel im Nationalsozialismus, Essen 22010, pp. 341358.

Die Kolonialachse. Der NS-Staat und Italienisch-Afrika 1935 bis 1943, in: Th. Schlemmer/L. Klinkhammer/A. Osti Guerrazzi (a cura di), Die "Achse" im Krieg. Politik, Ideologie und Kriegführung 1939 bis 1945, Paderborn 2010, pp. 147175.

Repression transnational. Die Polizeizusammenarbeit zwischen Drittem Reich und italienischem Faschismus, 19331943, in: W. Schulte (a cura di), Die Polizei im NS-Staat. Beiträge eines internationalen Symposiums an der Deutschen Hochschule der Polizei in Münster, Frankfurt a.M. 2009, pp. 407424.

Der Beginn einer faschistischen Interpol? Das deutsch-italienische Polizeiabkommen von 1936 und die Zusammenarbeit der faschistischen Diktaturen im Europa der Zwischenkriegszeit, in: Themenportal Europäische Geschichte (2010), URL: http://www.europa.clio-online.de.